il piccolo e il grande assente

Sappiamo tutti cos’ha presentato Apple ieri: il nuovo Mac mini, il nuovo MacBook Air, e il nuovo iPad Pro.

Vi rimando al sito Apple per scoprire le caratteristiche dei nuovi dispositivi, e a vari angoli del web poer le consuete polemiche sui prezzi o su quanto Apple stia o non stia innovando… Personalmente mi limito ad osservare che il Mac mini è stato finalmente rinnovato e ora mi sembra una macchina molto interessante (anche se sulla scheda grafica potevano fare qualcosa di più); il MacBook Air viene finalmente potenziato a dovere e dotato di uno schermo Retina (ma a ‘sto punto sorge qualche dubbio sull’utilità del MacBook); l’iPad Pro introduce una USB-C anche nel mondo iOS, cosa alla quale avevamo accennato per altre vie qualche tempo fa, e che dovrebbe segnare la strada anche per i prossimi iPhone (oltre che aprire altre possibili strade… ma per il momento mettiamo un freno alla fantasia).

Ci sono stati però due grandi assenti nell’evento di ieri: il primo è il nuovo Mac Pro, per il quale si attende un’ingegnerizzazione completamente nuova ma che evidentemente non è ancora pronta per essere presentata (o forse Apple ha pensato ad un ulteriore evento più orientato al mondo professionale, con tanto di eventuale presentazione di nuovi software). Onestamente pensavo, a torto, che anche il Mac mini potesse essere rivisto dal punto di vista del design, ma tutto sommato non c’erano grosse esigenze di rinnovamento in tal senso per questo tipo di macchina, cosa che invece è più necessaria per il Mac Pro, per il quale dovremo ancora attendere.

Il secondo “piccolo” GRANDE assente è l’iPad mini… mi sarebbe piaciuto vedere un iPad mini Pro da 9″ affiancare l’iPad Pro da 11″, ma evidentemente la corsa agli schermi di dimensioni maggiori la fa da padrone… Dovessi comprare un iPad adesso (cosa che potrebbe in effetti accadere) confesso che sarei veramente indeciso se optare per l’ultimo ritrovato ultrapotente, sfruttare il basso costo del modello base, o approfittare dell’abbassamento di costo del precedente iPad Pro da 10,5″ (pur consapevole che si tratta di un modello destinato a sparire). Un nuovo iPad mini Pro sarebbe stato l’ideale: compatto ma con schermo generoso, aggiornbato all’ultima generazione di processori (ma mi sarebbe basatata anche la precedente) e ad un prezzo più contenuto del nuovo modello da 11″. L’iPad mini attuale invece mi pare assolutamente fuori luogo, con un processore che ormai comiuncia a far sentire i proprio anni e un prezzo superiore all’iPad mini base… o Apple non ha ancora deciso cosa farne (e in tal caso potrei avere qualche possibilità di tenere viva la mia speranza) oppure lo sta tenendo a listino solo per smaltire le ultime scorte (e sarebbe un peccato, ma è difficile fare i conti in tasca ad Apple…).

 

2 Commenti

  1. L’assente Mac Pro mi aspetto venga presentato (alla grande) alla WWDC della prossima primavera. Sono curiosissimo per quale potra essere il suo design, e per design intendo anche se rispetteranno la modularità tanto annunciata.

    Il Mac Mini ha avuto un bell’aggiornamento, anche se mi aspettavo lo dotassero di una scheda video più performante. E poi i prezzi sono tutt’altro che contenuti purtroppo. Cosa molto positiva è la possibilità di aggiornarsi autonomamente la Ram.

    Purtroppo, per i computer presentati, c’è ancora la regola del minimo di ram e di disco ssd, 128 GB sono ridicoli e non aggiornabili se non all’atto dell’acquisto.

    • Spero che il Mac Pro possa arrivare anche prima, ma probabilmente hai ragione tu e non lo vedremo fino alla prossima WWDC; sulla “modularità” spero che Apple non faccia mosse false, visto che spesso i suoi concetti di “espandibilità” non coincidono col senso comune, anche se poi sono tutti aspetti molto relativi: se penso a tutte le macchine espandibili che ho avuto in passato, in realtà non è che abbia fatto alcunché come espansioni… anche per il prezzo del mini mi preoccuperai relativamente, ma qui caschiamo nei soliti discorsi… sono più curioso di capire se/quasi sviluppi ci saranno con l’introduzione della USB-C anche sull’iPad.

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.