non solo X (e relative polemiche)

A valle della presentazione di martedì sera, una delle critiche più frequenti che si sentono riguarda il prezzo del nuovo iPhone X (che, per chi ne fosse ancora all’oscuro, parte da 1’189 Euro).

Forse molti dimenticano che già l’iPhone 6 plus da 128GB (annata 2014) costava più di 1’000 Euro, e l’iPhone 7 plus da 256GB, al lancio, costava 1’159 Euro; lo stesso iPhone 8 plus costa 1119 Euro nella configurazione da 256GB. In definitiva, iPhone X non è certo il primo melafonino ad aver infranto la soglia psicologica dei 1’000 Euro. Per inciso, iPhone X è dotato di un display da 5,8″ con una densità di pixel pari a 458ppi, contro il display da 5.5″ a 401ppi dei modelli “plus”, quindi, anche senza addentrarci nella camera con doppia stabilizzazione ottica o tutto quello che sta dietro il riconoscimento facciale, possiamo dire che l’iPhone X ha qualcosa in più degli altri modelli, quindi o sono sproporzionati i prezzi di tutti (e qualcuno sicuramente non avrà probaelmi a sostenerlo) oppure il prezzo dell’iPhone X è un falso problema.

Molti altri invece fanno finta di non accorgersi che la linea classica di telefoni Apple sta proseguendo con il nuovo iPhone 8, il cui prezzo parte da 839 Euro, mentre l’iPhone X è un modello particolare, potremmmo dire “fuori gamma”, che vuole festeggiare in modo innovativo il decennale del lancio del primo modello nel 2007. Qui, volendo, si potrebbe aprire una nuova parentesi: cosa succederà l’anno prossimo? Ci sarà ancora spazio per due serie distinte di prodotti, o iPhone X rimarrà un dispositivo a sé stante, come il Mac del ventesimo anniversario? Il fatto che sia rimasto spazio per un eventuale numero “9” lascia intendere che probabilmente il 2018 sarà un altro anno di transizione, magari con iPhone 9 che segue lo stile classico dell’iPhone 8, e iPhone XI che prosegue il lavoro iniziato con iPhone X… per poi passare definitivamente alla nuova concezione con iPhone XII (e lasciando iPhone X e iPhone XI a listino come modelli “a basso costo”).

Vorrei infine ricordare che l’offerta di telefoni celluari Apple non è mai stata così ricca come ora: si parte dai 429 Euro dell’iPhone SE per passare attraverso iPhone 6S, iPhone 7, iPhone 8 (e relativi “plus”) ed infine iPhone X. Per chi volesse spendere ancora meno, Apple ha messo in vendita su altri canali, tipo gli ipermercati, anche l’iPhone 6 (che si può trovare intonro ai 350 Euro)

L’altra critica, ormai ridondante, è che Apple non sia più in grado di innovare.

Magari mi sbaglio, ma non mi risultano processori con un’architettura simile all’A11 Bionic nel settore degli Smartphone (tra parentesi, se andate a cercare i primi benchmarck in rete, scoprirete che le prestazioni di iPhone X sono molto simili a quelle di un Mac, e sbaragliano ogni concorrente Android) e probabilmente non c’è nessun’altra azienda che progetta SoC così altamente specializzati per il proprio “ecosistema” hw/sw; né tantomeno ci sono aziende che si prendono la briga di svilupparsi un OS ad-hoc visto che, nel bene e nel male, tutti si appoggiano ad Android. Tutto questo ha un costo e, per chi lo ritiene importante, anche un valore. Se poi uno preferisce Android a iOS, o usa il telefono in modo minimale, allora per quel valore diventa nullo.

Venendo poi alla questione del Face ID (e sempre rimarcando il concetto che Apple non sarebbe più in grado di innovare) c’è chi dice che c’erano già altri telefoni in grado di sbloccarsi col viso o con un sorriso… Certo… ma un conto è fare un sistema che inganni banalmente con una fotografia, e un altro è integrare nel telefono un micro-proiettore che proietta 30’000 punti sul volto dell’utente per ricostruire un modello 3D del viso (grazie anche ad una seconda camera ad infrarossi) da dare in pasto ad un motore neurale dual-core integrato nel SoC, e memorizzando poi il modello in un chip criptato residente sul telefono, da dove non uscirà mai.

Sono differenze sostanziali che implicano costi e creano un valore (valore che ovviamente è sempre soggettivo, visto che c’è gente che al giorno d’oggi non si fida nemmeno di inserire i numeri in rubrica o di tenerla sincronizzata nel cloud) ma possiamo definirle innovazioni? Secondo me “SI”, perché l’innovazione non è solo un passo da gigante che consente grandi salti, ma può essere fatta anche da tanti piccoli passi, quelli che sta facendo Apple perfezionando poco per volta i propri processori… e chissà che un giorno non torni a fare anche i Mac con processore proprietario, come abbiamo già più volte ipotizzato: che dite? secondo me ci stanno già lavorando, e non da poco…

18 Commenti

  1. Ottima disamina. Concordo su tutta la linea. Certo i prezzi andrebbero secondo me rivisti al ribasso ma Apple, per sua non nostra fortuna, può permettermelo che tanto venderà comunque milioni di esemplari. Unica critica che muovo è la linea temporale di uscita nel mercato di iPhone X. Molti indecisi riguardo iPhone 8 attenderanno di vedere e provare iPhone Xprima di decidere. Ciò significa che probabilmente ci sarà un rallentamento nelle vendite di iPhone 8.

    • Si, hai ragione, la linea temporale delle due uscite potrebbe essere un problema, ma consideriamo anche che iPhone X costa il 40% in più rispetto all’iPhone 8, e solitamente (anche se non è sempre così) chi compra un terminale nuovo ha già in mente un certo budget.
      Inoltre ho come il sospetto che iPhone X non sarà disponibile da subito in quantità adeguate, e rimandare iPhone 8 per consentire l’uscita contemporanea con X non sarebbe stata una buona mossa.
      Tra l’altro, una doppia uscita differita potrebbe anche tradursi in due picchi di vendite… vedremo…

    • Per il momento pare che abbia ragione tu: le vendite di iPhone 8 sono minori di quelle dei lanci precedenti… il che significa (e lo spero per Apple) che molti stanno aspettando iPhone X. Non mi spiego il boom di vendite del modello plus, visto che (a fronte di un prezzo sostanzialmente identico) offre uno schermo minore di X, e un ingombro maggiore. Forse l’incognita sulla “manovrabilità” di un telefono a tutto schermo ha spaventato qualche utente?

      • In realtà lo schermo è tecnologicamente inferiore ma non credo sia definibile come “inferiore”, la larghezza quindi il fattore “zoom” è superiore, non di molto ma comunque è superiore.
        La definizione è maggiore nell’X ma siamo a livelli tali che la differenza è inavvertibile dai più.

        Anche a livello “autonomia” le cose lasciano qualche dubbio, l’X dovrebbe avere un amperaggio superiore all’8plus eppure i dati sul sito apple parlano di durata inferiore in tutti i comportati, con l’X che si colloca grossomodo a metà tra 8 e 8plus, strano visto anche che lo schermo olde dovrebbe consumare meno.

        Comunque è un differenza che potrebbe pesare per qualcuno.

        Poi visto che si parla di “vendite” negli store anche la differenza di prezzo potrebbe essere l’ultimo elemento nel far pendere la bilancia.
        Nei modelli sotto contratto telefonico dovrebbe sentirsi meno.

        • Non ho capito il discorso che fai sullo schermo… io mi riferiscono “banalmente” alla dimensione: 5.8″ per X e 5.5″ per plus (con X che ha anche una densità maggiore). L’autonomia è sostanzialmente identica (anche se mi sembrava di ricordare che inizialmente avessero dichiarato qualcosa in più per X). In ogni caso, come dicevo nell’altro articolo, c’è chi parla già di preordini monstre

          • lo schermo dell’X è più grande ma anche più allungato, la larghezza invece è inferiore quindi visualizza i caratteri leggermenti più piccoli.

            Per l’autonomia ad oggi c’è solo la pagina ufficiale apple, poi si vedrà dai test:

            https://www.apple.com/it/iphone/compare/

            A dire la verità alcuni dati sembrano un po’ strani, ad esempio l’autonomia in conversazione fortemente ridotta nell’8 rispetto agli altri 2 così come la riproduzione audio, mentre la video vede 8 e x uguali leggermente sotto il plus.

            • Si, è più allungato e leggermente più stretto, ma la dimensione del testo è modificabile al volo anche dal nuovo centro di controllo, quindi non mi pare un grosso problema.
              Riguardo l’autonomia, considera che X è quello che ha la batteria più grande di tutti ed ha anche uno schermo OLED a differenza degli altri che sono LCD, quindi le differenze di comportamento nei vari utilizzi sono dovute anche a quello.

              • Sai che non l’ho mai usata quella funzione ? E non la ricordavo proprio…. ma funziona anche nelle app terze e nelle pagine web ?

                • Non l’ho mai usata nemmeno io, ma mi è saltato all’occhio tra le customizzazioni del nuovo centro di controllo, quindi ho visto che ora si può fare al volo (prima invece, a parte andare a scovarlo, forse dovevi anche riavviare iOS)

                  • In iOS10 è “ovviamente” nel menu accessibilità, e apparentemente lavora subito, ma non l’ho “applicato” quindi non so se al di là della preview poi effettivamente necessiti del riavvio.

  2. Riguardo l’X la mia maggiore curiosità come accennavo è su quello che rappresenta.

    Sappiamo che è il modello “del decennale”, ma teoricamente questo lo è anche l’8, quindi se apple ha realizzato un modello “eXtra” per la ricorrenza mi chiedo cosa rappresenti.

    Un modello con soluzioni, stilistiche e/o hardware, che non saranno ripresentate in altri modelli “normali” prima della prossima ricorrenza ?
    Sui materiali parrebbe di no, a meno che non resti (per minimi 2-3 anni) l’unico iphone con schermo oled il resto si vede anche nella serie 8.
    L’hardware ? Mah anche qui al di là dello schermo OLED cosa c’è ? Il schermo bordless e il FaceID, ma per il secondo è difficile pensare che apple si sia messa a svilupparlo unicamente per un modello stand-alone, a meno che (il dubbio resta) non fosse una soluzione prima scartata per il TouchID e poi riesumata non potendo gestire quest’ultimo in un iphone borderless senza fare scelte impopolari (touchID androidianamente nel retro) o rischiose (un non ancora affidabile touchID sotto lo schermo).

    Insomma, pour parler, mi domando cosa sarà l’X, un modello che anticipa di 1 anno i futuri iphone, che quindi saranno tutti borderless e FaceID ma con costi inferiori e magari 2 tagli di dimensioni ?
    O un modello veramente “eXtra” che in parte sperimenta alcune soluzioni non necessariamente di “sicuro successo” nella massa ? Comportamento inusuale per apple ma che potrebbe essere giustificato dal cambio drastico rispetto alle serie precedenti (e attuale).
    O un futuro a metà, con 2 modelli di iphone (dimensioni a parte) particolarmente diversi ?
    Una linea “normale” e una “X” ? con 3-4 fasce di prezzo/pubblico ? In parte come potrebbero essere gli ipad air e pro (se i pro avessero lo stilo compreso) ma con differenze ancor più accentuate ?

    Occorrerà aspettare 11-12 mesi per saperlo, per ora si può giocare con le ipotesi.

    • E’ quello che mi chiedevo anch’io… la mia risposta (ipotetica) è che l’anno prossimo ci saranno un 9 (“old” stile) e un XI (“new” stile) per poi passare in modo definitivo al formato X, con iPhone XII… anche se qualcosa in vecchio stile potrebbe comunque rimanere, così come adesso c’è l’iPhone SE. Questo però significherebbe che Apple tornerebbe a fare un unico modello di iPhone… non so…

      • Questo perchè associ un “ricambio generazione” ogni 2 canoni anni (serie 7 a parte) o per rendere più graduale la totale scomparsa di tasto home (e touchid) dando modo all’utenza di adeguarsi senza “fretta” ?

        • Perché il “buco” lasciato sul numero 9 sembra fare il paio con la cadenza canonica, anche se in realtà non c’è alcun motivo reale per credere che sarà così… tra l’altro leggevo proprio ieri di nuovi display LCD che potenzialmente potrebbero essere utilizzati per un telefono senza bordi, e forse (idea mia) potrebbero anche includere il touch ID nello schermo, anziché passare in modo definitivo al Face ID su tutta la linea. Inoltre non credo che Apple (per quanto si consideri “top di gamma”) voglia vendere solo telefoni da 1’200 Euro in su, quindi qualcosa di più in linea con i modelli più classici dovrà restare a listino.

          • Beh l’idea è che la tecnologia di X cali di prezzo nei prossimi anni, altrimenti è meglio rimanga veramente un modello “anniversario” e amen.
            Comunque dubito che il touchID sotto schermo costi “poco”, e vedo anche improbabile che apple faccia contemporaneamente 2 modelli borderless con 2 tecnologie biometriche tanto diverse… non ne vedo il motivo.
            Diverso se invece volesse mantenere il tasto home per proprio chi non ne può fare a meno, per loro mantenere il touchID ha più senso (ed è più economico).

            Boh, come detto sono quasi più curioso per cosa decidere apple tra 11 mesi che oggi che ancora non si è visto l’X dal vivo. :)

            • Beh l’idea è che la tecnologia di X cali di prezzo nei prossimi anni, altrimenti è meglio rimanga veramente un modello “anniversario” e amen.

              Il problema è che difficilmente Apple taglia i prezzi… immaginando di abbandonare da subito il vecchio stile, potremmo al massimo avere un iPhone XI a 1’100€ (anziché i 1’200€ dell’attuale) e un iPhone X che scende a 1’000€. Ma poi cosa fai? non tocchi niente su tutto il resto della linea? Dai due modelli, normale e plus, più l’SE, più (quest’anno) iPhone X, pensi che si arriverebbe alla presentazione di un modello solo? Mi pare difficile…

              Comunque dubito che il touchID sotto schermo costi “poco”, e vedo anche improbabile che apple faccia contemporaneamente 2 modelli borderless con 2 tecnologie biometriche tanto diverse… non ne vedo il motivo.

              Il motivo potrebbe essere da un lato quello di proporre comunque due modelli distinti, dall’altro quello di continuare ad utilizzare l’LCD, che per certi aspetti è migliore dell’OLED (Apple ha rimarcato che quello di X è il primo OLED di qualità sufficientemente alta da poter sostituire gli LCD che ha utilizzato finora). Personalmente poi mi piace di più il Touch ID che non il Face ID (al di là dell’idea carina della ricostruzione in 3D del volto, utilizzabile poi per molti altri scopi) e credo che anche in Apple non abbiano ancora abbadonato l’idea del Touch ID sotto lo schermo.

              Cmq non resta che attendere :)

              • Dici bene, soprattutto vista la forbice tra X e 8, molto elevata.
                Ipotizzare un X “economico” che possa sostituire l’8… e intendo al di là della solita operazione commerciale del calo di prezzo del modello dell’anno precedente…. boh pare poco probabile a meno di fare un modello X più piccolo che però mi pare veramente improbabile (credo più ad un modello Xplus).

                La logica direbbe che se non puoi (o vuoi) abbassare i prezzi l’unico modo per avere un iphone “nuovo” (come hardware) anche limitato in alcune cose (1 sola ottica) sia quello di scegliere altri componenti di costo minore, ma il solo schermo LCD rispetto all’OLED non penso influisca così tanto, soprattutto se di ultimissima tecnologia per essere “ritagliabile”, anche se mi pare strano, non esistono già da tempo lcd rotondi per gli smartwatch?

                Insomma per avere 2 iphone di fasce prezzo tanto diverse oltre all’LCD dovrebbe adottare altri elementi economici, quindi schermo non borderless, e touchID tradizionale…
                Quindi una sorta di 8s, seguito magari dal 9 e dal 9s, per 3 anni sarebbero anche “al riparo” dal problema di accavallamento dei nomi. :D

                • Sicuramente per l’anno prossimo possono restare coperti da iPhone 9, anche se presentare per il quinto anno consecutivo un telefono con la stessa linea (al di là dei materiali) di iPhone 6, 6s, 7, 8, potrebbe anche non essere una buona idea… non lo so… diventa difficile anche fare pronostici

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.