Eppure capita… again

Lo so che mi tirerò contro le maldicenze di qualcuno, ma quando dico che le cose succedono, e tutti mi danno contro, ma poi succedono davvero, ammetto che c’è anche un certo gusto personale a ribadire certi concetti.

Proprio mentre leggevo la notizia secondo la quale un popolare telefono cinese è stato messo in vendita con una backdoor (notizia che fa eco ad un evento simile di qualche tempo fa, quando un altro telefono Android si è scoperto in vendita con uno spyware a bordo) scopro che un altro mio conoscente si è beccato un virus sul suo Galaxy S4, e vi posso assicurare che non ha scaricato applicazioni da siti “alternativi” allo store ufficiale, quindi non saprei dire come se l’è preso… ma la cosa più grave è che l’antivirus pur scovandolo non riesce ad eliminarlo (stando almeno a quello che mi dice, perché personalmente non ci ho messo le mani)

Il giorno prima un altro conoscente, informatico e IT manager di professione, mi racconta della sua “profonda delusione nei confronti di Android” (parole sue eh…) mentre mi chiede informazioni sull’iPhone 6, anche se in realtà sembra più orientato a un telefono Microsoft (secondo lui ancora meno attaccabile di iOS perché meno diffuso)… e nel frattempo fioccano tra amici e colleghi le testimonianze su batterie che si scaricano in pochissimo tempo, forse a causa della bassa qualità della batteria stessa, del telefono, della specifica implementazione di Android, di qualche App o servizio che lavora male… o forse anche a causa di qualche malware…

In rete di sprecano i consigli su quale antivirus installare su Android, e io ho un deja-vu: la storia si ripete, l’iPhone come il Mac, Android come Windows… o forse no… Android continuerà a crescere, non può essere diversamente, per 1000 motivi (a meno che non arrivi un contendente valido con le stesse caratterische di apertura e di installabilità su telefoni di ogni fascia di prezzo) ma il ruolo di iOS non verrà relegato ad una nicchia come quella del Mac, perché partiamo da basi e da considerazioni completamente differenti.

Chi volesse riguardarsi tutti i miei precedenti interventi a tema sicurezza, li trova qui, in particolare questo approfondimento scritto sulla scia di precedenti polemiche.

[PS: mi spiace, non vogio dare la colpa a nessuno (mi ci metto pure io) ma ho chiuso i commenti ed eliminato gli utimi interventi. Non voglio vedere degenerare la discussione]

8 Commenti

  1. Come dici nella prima frase, mi sembra che la soddisfazione personale abbia una buona importanza nel articolo.
    Dal canto mio, devo ancora vedere questi malware che citi.

      • Se chiedo a google mi fa vedere anche gli iPhone 6 piegati e che un certo iOs 8 a ricevuto un aggiornamento il giorno dopo che è stato rilasciato per problemi su cose superflue come telefonare, o parlando sempre di sicurezza, di atm exploitabili “semplicemente” facendo il boot con un cd che inserisce malware, una cosa alla portata di tutti.
        A quello che leggo su queste pagine, tutti hanno problemi con android, tutti hanno virus su android, tutti hanno batterie che fanno schifo se usano android…….
        Si vede tutti quelli che conosco che non hanno un iphone sono le persone più attente al mondo nel utilizzo del loro smartphone, visto che oltre a tutti i link che potete postare, non ho ancora visto dal vivo nelle mie mani un solo virus su un qualsiasi telefono con android di un qualsiasi mio conoscente.
        O sono l’eccezione che conferma la regola, o stai ingigantendo un pelino le cose.

        • “Se chiedi a Google” trovi tutto e il contrario di tutto: poi serve un minimo di senso critico per discernere le notizie…
          Per esempio, “se chiedi a Google” puoi anche dimostrare che la terra è piatta o che esistono sirene, unicorni, e scie chimiche…
          “Se chiedi a Google” scopri che diverse associazioni di consumatori hanno evidenziato che l’iPhone 6 si piega nè più nè meno degli altri smartphone in metallo… ma “se chiedi a Google” di dimostrare che i malware per Android non esistono, resterai deluso, anzi, troverai diversi consigli di quale antivirus installare.
          Detto questo, visto che io non sono Google, se chiedi a me ti posso dire che di utenti Android che si sono beccati un virus ne ho già conosciuti un po’, di batterie del Galaxy ne ho già cambiate due in un anno (e non sono l’unico tra i miei amici/colleghi/conoscenti) mentre di utenti di iPhone 6 che si sono trovati il telefono piegato non ne conosco nemmeno uno. Libero di crederci o meno, libero di frequentare o meno “queste pagine”, e libero di continuare la tua crociata come vuoi tirando in ballo argomenti a sproposito, basta che rimani nei limiti civili di discussione.
          Cordialmente, buone feste anche a te…

          • è bello vedere che si è travisati. Il “se chiedi a google” era per dire che non tutto quello che si legge su internet si applica a tutti, infatti sono il primo a dire che tutto il putiferio per il blendgate è una cavolata e che fra tutti i possessori del detto telefono in pochi hanno avuto problemi e principalmente perché se li sono cercati.
            Non mi pare di aver offeso nessuno esprimendo la mia opinione, ho un punto di vista diverso per il fatto di partire da una condizione diversa dalla tua.
            Che dei prodotti abbiano dei problemi è comprensibile, ma l’impostazione del articolo non parte con un ‘cerchiamo di migliorare’ ma con uno sterile ‘hahahahhahahha sciocchi che continuate ad usare android’.
            Non è un approccio molto costruttivo. Se c’è un problema si cerca di risolverlo, non ridicolizzare il prossimo per le sue scelte.

            • Non mi pare di averti accusato di offendere qualcuno: ho semplicemente chiesto (invito generale) a discutere in modo civile, perché spesso con queste discussioni si va a parare male.
              Detto questo, non mi pare neppure di aver travisato, anzi, semmai potrei dire il contrario, oppure potrei vedere tentativi puerili di mischiare più argomenti solo per cercare di aver ragione, o puerili tentativi di vittimismo

              La mia posizione su Android è ben nota, è basata sul quotidinao utiizzo di entrambe le piattaforme, e la puoi trovare pure nei commenti del mio post precedente. Qui si sta parlando di un altro problema, anzi, due… Il primo è che la sicurezza dei uno smartphone è un aspetto a mio avviso sottovalutato sotto molti punti di vista (in primis per le potenzialità dei device attuali e il fatto che vanno in mano a paersone di ogni cultura, età, ed estrazione sociale); il secondo è che, checché si dica che esagero in certe consideazioni, alla prova dei fatti si dimostra che i problemi ci sono, o perlomeno io ne vedo molti nel quotidiano dei miei conoscenti.

              In ogni caso mi pare sacrosanto e normale che nel “mio” blog, “io” possa parlare delle “mie” esperienze personali, impostando gli articoli come voglio “io”. Sei libero di esprimere la tua opinione nei commenti, sei libero di non leggermi se ti do fastidio, e sei libero di aprire un blog che dica il contrario di quello che affermo io… ma non sei autorizzato né a dirmi come devo scrivere, né a fare tu sterile polemica accusando me di non essere costruttivo… in siti di Apple-haters che si spacciano per difensori della libertà e della verità (perché dare contro la grossa Apple fa sempre la sua porca scena) sono stato bannato per molto meno.

              PS: per quanto mi riguarda l’argomento è chiuso… cordialmente, di nuovo, buone feste…

  2. Pingback: [10 anni fa] autunno 2004 | Puce 72

  3. Pingback: esperienze alternative | Puce 72