Voglia di iQualcosa?

Se fino a qualche tempo fa vi stavate preoccupando per l’inconsueta mancanza di notizie “certe” sul design del prossimo iPhone (e i rendering di concept più o meno probabili non vi hanno mai pienamente convinto) nelle ultime settimane sarete sicuramente rimasti soddisfatti dalla comparsa di numerose foto dei modelli utilizzati per la preparazione delle cover (non sto nemmeno a linkarle perché le trovate un po’ ovunque…).

Al di là delle dimensioni (che ormai già sappiamo essere maggiorate) oggi vorrei soffermarmi brevemente su due aspetti.

-Il primo riguarda le forme: dando per buono quanto visto, si passerebbe dallo “squadrato” che ha caratterizzato gli ultimi modelli (4 & 4S ma anche 5 & 5S) ad un profilo arrotondato; qualcuno ne parla sentenziando un “finalmente qualcosa di nuovo” ma personalmente mi pare più che altro un gradito ritorno alle forme del modello originale, il cosiddetto EDGE, o 2G, che in Italia non è mai arrivato (perlomeno non per vie ufficiali). Personalmente, come già accennato, lo trovo gradevole, molto più della forma “a vasca” del 5C, della “conchiglia” dei 3G e 3GS, o dei profili esageratamente smussati di alcune generazioni di iPod Touch; al di là di questo, un ritorno alle forme originali può anche dare l’idea di una nuova ripartenza: “finora abbiamo realizzato evoluzioni del primo modello, ma da oggi di riparte daccapo”, il che avrebbe senso anche sotto altri punti di vista (dimensioni, display, pulsanti, sensori, e altro ancora) ma mi fermo qui… Ci sono però un’altro paio di cose che queste foto ci dicono: se quella è la forma dell’iPhone 6, scordiamoci lo schermo curvo e scordiamoci la possibilità che Apple tenti la via di un display “al limite” dei bordi esterni per facilitare l’utilizzo con una mano sola (a questo punto mi auguro che la questione sarà affrontata prevalentemente dal punto di vista software).

-Il secondo aspetto, che in parte ho già affrontato qualche tempo fa, riguarda invece il livello di segretezza delle indiscrezioni: possibile che sfuggano queste foto dell’iPhone 6, e non si sappia ancora nulla dell’iWatch (che, pure, pare già nella fase dei test di produzione)? Si, dico io… possibilissimo… in parte è un problema legato a questioni di forniture di accessori: le cover per l’iPhone 6 devono essere disponibili già al lancio, ma per l’iWatch non ci si aspettano cover, ed eventuali accessori più evoluti dipenderanno da come sarà fatto l’iWatch (il che, al momento, è assolutamente segreto). In parte si tratta di un “sapiente lavoro di Apple” che conosce bene “cosa” può permettersi di far trapelare e cosa deve tenere assolutamente nascosto: l’iWatch non sarà certo il primo smartwatch della storia ma sarà il primo smartwatch di Apple e, se viene rispettata la tradizione, potrebbe stravolgere il modo di intendere questo dispositivo. E’ comprensibile quindi che Apple metta in atto tutto quanto in suo potere per mantenere il segreto assoluto… ma dopotutto anche dell’iPhone 6 sappiamo veramente molto poco…

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.