WWDC 2017, un Keynote pieno di aggiornamenti

Per motivi sui quali non mi dilungo, seguire ieri sera il keynote di apertura della WWDC2017 è stata un’impresa quasi impossibile, anche se i comunicati stampa di Apple si susseguivano a ritmi tali da lasciarmi intendere prima di tutto che mi stavo perdendo uno dei keynote più “densi” degli ultimi anni, e in secondo luogo che avrei dovuto perdere diverso tempo per rivedermi la presentazione in differita e recuperare tutte le informazioni necessarie per condensare in poche righe gli elementi salienti di tutti i prodotti annunciati.

Anche se ne accenno già in conclusione dell’articolo, ci tengo a puntualizzare fin da subito quello che ritengo essere le cose migliori e peggiori: Continua a leggere →

Apple, una lunga strategia di investimenti

Si fa presto a parlare di “sviluppo”, ma dietro quello che utilizziamo ogni giorno ci sono spesso grossi investimenti, più o meno visibili, che contribuiscono in vario modo a creare ciò che utilizziamo, sia dal punto vi vista “tecnologico” che da quello della creazione di App e di nuove funzioni del sistema… ma anche, perché no, riguardo la diffusione del sistema, che inevitabilmente porta a nuove risorse per amplificare ulteriormente lo sviluppo. Non so se è la nuova gestione di Apple a rendere più evidente questo tipo di investimenti, se questi stanno effettivamente aumentanto, o se (semplicemente) la casa della mela segue quello che fa anche la concorrenza, che a sua volta si muove in base alle esigenze del mercato. In ogni caso Apple si sta muovendo molto attivamente, per cui vale la pena fare un breve riassunto prima dell’apertura della WWDC (abbandonando per una volta i rumors, per seguire qualcosa di concreto)…

Di seguito la mia analisi: Continua a leggere →

Trimestrale Apple, bene ma non benissimo

Ho atteso un po’ prima di pubblicare qui il mio commento sulla trimestrale; ho atteso per verificare s enon ci fosse qualche altro spunto interessante. Al di là di acune anteprime di Cook (la conferma che Apple sta ora investendo in modo deciso sullo sviluppo dei prosismi Mac, e per creare posti di lavoro in USA) e della conferma che Apple Watch sta andando forte, scopriamo proprio oggi che Apple, per far fronte allo stallo di vendite di iPhone, ha portato anche in Europa l’iPhone 6 da 32 GB (sullo store ufficiale non ce n’è traccia, ma si può trovare in negozi e operatori). Difficile dire se questa sia una mossa valida o meno: cè il rischio che le vendite rimangano costanti, ma scenda il fatturato (questa versione costa ancora meno dell’iPhone SE) ma del resto Apple aveva sempre mantenuto a listino le due generazioni precedenti, e visto che l’iPhone SE ha lo stesso processore dell’iPhone 6S, avere a listino un iPhone 6 non è propriamente un idea malvagia… come al solito, non resta che assistere da spettatori per capire come andrà a finire, nel frattempo vi lascio alla mia analisi della trimestrale. Continua a leggere →

iPad, confronto diretto

Tornare ad un utilizzare un iPad “normale” dopo che ci si è abituati al modello “Pro” può sembrare un passo indietro, ma nonostante tutto non si avvertono molte differenze nell’uso comune. Nonostante i risultati dei benckmark, difficilmente un tablet è sfruttato al 100% nel normale utilizzo domestico, e la migliore camera del “Pro” in realtà è sottosfruttata se avete in tasca anche un iPhone o, meglio ancora, una miirrorless (parlo di mirrorless perché una reflex implica già uno sforzo in più per iltrasporto, tant’è che io stesso sono passato, dopo 20 anni di Reflex Nikon, ad una Olympus E-M10 Mark II… ma questa è un’altra storia che magari vi racconterò nei prossimi giorni).

In conclusione, credo che il nuovo iPad sia una buona mossa per cercare di risollevare questo segmento di mercato (abbiamo discusso a lungo, anche su queste pagine, della situazione iPad) e tutto sommato l’iPad di quinta generazione ha ben poco da invidiare al modello Pro, nonostante il prezzo molto più conocorrenziale… resta da capire, con questa lineup, che fine farà il mini, ma forse Apple si sta preparando a rivoluzionare in toto la linea di tablet: come al solito, stiamo a vedere… per ora vi lascio a questa recensione/confronto

Continua a leggere →

Storie di Apple

Non so quanti di voi hanno mai notato, tra i link che propongo in fondo alla pagina, il blog del mio caro amico Nicola d’Agostino (amico di web, perché a causa di varie vicissitudini non siamo mai riusciti ad incontrarci di persona) e quello più recente di Storie di Apple, curato sempre da Nicola. Continua a leggere →